Jónatan, perché hai scelto questo testo per la tua testimonianza?

“Ho scelto questo perché mi riconosco in questo testo della prima lettera dell'apostolo Pietro, capitolo due, versetto nove. La ragione di ciò è che sono consapevole che in quel momento prima della mia conversione non avevo intenzione o desiderio di cercare Dio, eppure Egli mi ha cercato e mi ha chiamato. Non solo ho sentito la sua voce, ma non ho potuto resistere alla sua chiamata, l'ho seguito (Giovanni 10:27). Qualcuno potrebbe resistere a Dio? Quando mi ha chiamato, non avevo scelta. Ho meditato sul mio peccato e l'ho visto con le sue braccia aperte come il mio Salvatore”.

“Prima di continuare, mi chiamo Jónatan e ho 33 anni. Sono sposato con la donna più bella del mondo: Zippora. Non solo, Dio ha voluto donarci due bellissime figlie: Zippora e Alma. Credo sinceramente che tutti, credenti o no, dovrebbero ringraziare Dio ogni giorno per tutto ciò che Dio gli dà”.

Come desideresti descrivere il tuo stato spirituale nel momento in cui ti sei convertito?

“L'immagine del 'buio' non potrebbe descriverlo meglio. Ecco come ero! Credo, quindi, che ogni credente debba parimenti riconoscere che prima della sua conversione viveva nelle tenebre, lontano da Dio. Dobbiamo meditare su ciò da cui il Signore ci ha salvati per valorizzare sempre di più quella luce meravigliosa a cui ci ha trasferiti. Una luce che emana solo da Cristo stesso. Dobbiamo vivere sotto quella luce e avere con essa una comunione nascosta e personale. Attraverso la Parola di Dio, l'unico mezzo affidabile al cento per cento, e attraverso la preghiera. Non dimenticherò mai ciò che Dio ha fatto per me quando vivevo in quelle tenebre (Giovanni 4:16).”

Puoi raccontarci un po’ della tua vita?

"Certo. Poco dopo la nascita, i miei genitori si sono preoccupati quando hanno visto lo strano colore violaceo della mia pelle. Mi hanno portato dal dottore, ma lui non sapeva cosa l'avesse causato. Dopo molti test è diventato chiaro che avevo seri problemi cardiaci. Tuttavia, non potevano operarmi a causa del mio peso ridotto, sono stato consegnato "nelle mani di Dio". Ed è stato davvero! I miei genitori disperati e non credenti non sapevano cosa fare. Il dottore aveva detto loro quanto fosse pericoloso l'intervento chirurgico, un'alta percentuale di bambini non sopravvisse”.

Cosa hanno fatto i tuoi genitori?

“Che dilemma opprimente per i miei genitori! Scegliere tra un intervento chirurgico che potrebbe costarmi la vita o non operarmi e perdermi più avanti nel tempo. Ma Dio ha sempre l'ultima parola! Non sapendo davvero cosa fare, mi hanno portato da un "guaritore" molto famoso che hanno detto che guariva le persone. Ma non sono guarito. Un giorno caddi a terra. I miei genitori mi hanno portato di nuovo in ospedale e hanno scoperto un'altra malattia, forse peggiore di quella che avevo già. Per quanto piccola, ho subìto due interventi chirurgici. Grazie a Dio ora posso raccontarlo di nuovo".

Cosa ricordi della tua gioventù?

“Ora so che il Signore mi ha guarito dalle mie malattie quando ero piccolo. Ma avevo bisogno di qualcos'altro, ancora più importante: nascere di nuovo. Quando avevo 17 anni, la mia vita sembrava perfetta. Avevo tutto ciò che un adolescente può desiderare, eppure sentivo un grande vuoto, un vuoto che cresceva ogni giorno. Così un giorno entrai in una chiesa protestante. Da quel momento ho capito che quella era la mia strada, una strada che non avrei mai lasciato. Non c'è niente come la mirabile luce di Gesù. Da quel momento in poi, tutto nella vita ha iniziato ad avere un significato e la mia oscurità è scomparsa”.

Com’è la tua vita oggi?

“Beh, la vita non è mai sempre “rose e fiori”. Il Signore non ci ha promesso una vita senza problemi. Sto ancora una volta lottando con un'altra malattia che ha gravemente colpito il mio braccio e un'infezione mi ha quasi fatto perdere le dita dei piedi. Inoltre, ho perso quasi la metà della vista in uno dei miei occhi e vedo meno con l'altro. Tuttavia, posso dire con sicurezza che nulla mi separerà dalla sua meravigliosa luce!”

Come vivi nella fede in mezzo alla malattia?

“La verità è che nonostante le mie malattie e le mie altre lotte, sono migliore di quanto merito. Ho meritato ciò che Cristo ha sofferto al mio posto sulla croce, eppure posso godere della sua grazia e del suo perdono. Ringrazio Dio per quella luce meravigliosa che non smette mai di brillare nella mia vita. Voglio ricordare a tutti coloro che leggono la mia testimonianza che mentre attraversi la valle dell'ombra della morte, la luce insuperabile di Cristo può dissipare le tenebre che ti circondano, per quanto cupe e opprimenti possano sembrare, e trasferirti nella Sua meravigliosa luce”.