Dopo la sua partenza dalla Chiesa Cattolica Romana, pastore H.J. Hegger (1916-2012) ha difeso con fervore i tre solas (solo Scrittura, solo per grazia e solo per fede).

Il compito di un sacerdote è diverso da quello di un pastore, secondo il pastore H.J. Hegger. “Hai le mani consacrate come sacerdote. Dovresti essere in grado di trasformare il pane e il vino nel corpo e nel sangue di Cristo attraverso la cosiddetta transustanziatio". Secondo lui, questo rende non facile – oltre all'opposizione della chiesa – dimettersi da sacerdote.

Lotta

Hegger ha attraversato una lunga lotta prima di lasciare la Chiesa cattolica romana come sacerdote nel 1948. In questa chiesa non trovò risposta alle sue domande. “Poiché ero apparentemente incline alla filosofia, sono stato nominato dal Superiore Generale di Roma per insegnare filosofia in un seminario maggiore in Brasile. Ma a causa di quell'attitudine, ho costantemente controllato tutto con il mio ragionamento. È finita che ho rotto completamente la mia fede e ho iniziato a dubitare di tutto”.

Quando nel 1940 partì per il Brasile per insegnare filosofia in un seminario maggiore, era in una profonda crisi di fede. Voleva essere completamente onesto e accettare solo ciò che vedeva come verità nella sua mente. Di conseguenza, alla fine iniziò a dubitare di tutto, persino dell'esistenza di Dio. “Ma un giorno è arrivato l'intervento di Dio: “Herman, io esisto”, dice il pastore Hegger.

Poi ha continuato a cercare. Proprio perché i protestanti affermano di fare affidamento esclusivamente sulla Bibbia, Hegger si è avvicinato a loro. "Sono andato da un predicatore metodista e gli ho parlato delle mie difficoltà". Non molto tempo dopo, Hegger si ritirò dalla Chiesa cattolica romana.

Sarto

Era come se anche le circostanze esteriori mostrassero la grande svolta nella sua vita, e come se il Signore lo confermasse così nella sua crescente convinzione ritrovata, spiega Hegger. “Ci sono cose meravigliose nella vita. Il mio cambiamento esteriore consisteva nell'indossare un abito civile invece di un abito sacerdotale. I protestanti di San Paolo hanno fatto fare un vestito per me. Il sarto viveva in una strada chiamata La Strada Dritta (Rua Direita) in portoghese. L'ingresso allo studio al primo piano era sul lato di una strada chiamata Allargamento della Misericordia (Largo da Misericordia). Il nome di quel sarto era Do Espírito Santo, che significa Dello Spirito Santo. Il suo nome di battesimo era Del Mar, lo spagnolo per Dal Mare. E avevo appena deciso di fare il viaggio in barca in Brasile per considerare la possibilità di dimettermi dalla Chiesa. Mi ci sono volute ore di lotta".

Scegliere

“Ho deciso di discutere prima tutti gli argomenti per cui pensavo di dover lasciare la Chiesa cattolica romana ai colleghi professori di teologia. Ho chiesto loro: “I protestanti dicono questo e quello. Che ne dici di questo?" Ma continuavo a ricevere le stesse risposte, che non mi soddisfavano più. Poi mi sono convinto: mi trovo di fronte alla scelta di passare il resto della mia vita con una convinzione che non possiedo più, o mi dimetterò. Non potevo e non volevo diventare ipocrita. Un ponte correva dal monastero alle montagne. Lì su quel ponte ho preso la decisione: sì, mi dimetto. Ho preso la decisione nel gennaio 1948".

Pastore Hegger comprende bene che alcuni sacerdoti che si sono dimessi stanno tornando alla Chiesa cattolica romana. “Sei cresciuto così vicino alla Chiesa cattolica romana. E ti allontani dalla condanna della chiesa quando ti dimetti. La mia decisione mi ha fatto sentire subito estraneo agli altri monaci”. Hegger ha affrontato aspre critiche da parte della chiesa cattolica romana: “Un professore mi ha condannato in una lettera feroce. Tra le altre cose scrisse: “C'è di nuovo un cieco sulla strada di Gerico”.

Comunità

Riflettendo su questo importante periodo della sua vita, il pastore Hegger dice: “Il Signore dirige la tua vita, è ovvio. Ma quando guardo al lato psicologico del disimpegno, a volte mi sono chiesto se avrei avuto il coraggio di disimpegnarmi se non fossi stato in Brasile. Inoltre, il protestantesimo in Brasile è diverso da quello nei Paesi Bassi. Gli evangelici, come si chiamano lì, sono molto più testimoni. C'è anche più comunione viva con l'altro. Nei Paesi Bassi c'è più di un protestantesimo consumante. La gente poi viene in chiesa solo per prendere il cibo e le bevande spirituali. In Brasile, la chiesa è molto più un'unità che assomiglia a una famiglia spirituale. Forse perché il popolo brasiliano vive in un ambiente cattolico romano e quindi deve sempre competere con la Chiesa cattolica romana”.

Il tempo dopo è stato istruttivo. “Come cattolico romano ho avuto una relazione con Cristo. Ma pensavo che dovevo anche guadagnare qualcosa dalle mie opere buone e non conoscevo un Cristo che pretendesse solo fiducia”. I suoi occhi brillano quando dice: "È così bello e dà una pace profonda quando esprimi la tua fiducia in Lui dal profondo della tua anima".

Questa testimonianza è stata tradotta e abbreviata dall'olandese.