Fin da giovane, il francese Patrick Mandier aveva dei dubbi sulle regole religiose che gli venivano insegnate in casa. Dopo un colloquio con un pastore, ha compreso il messaggio della Bibbia.

Da bambino, Patrick Mandier aveva già domande sulla fede. “Mi interessava l'idea che Dio esistesse, ma non Lo conoscevo, e l'immagine che avevo di Dio attraverso la religione che mi circondava e mi confondeva. L'atmosfera nelle chiese, le statue e i dipinti raffiguranti scene bibliche, ma anche le tradizioni religiose non potevano soddisfarmi. All'epoca non me ne rendevo conto, ma dubitavo e mi chiedevo se quelle cose fossero davvero volute da Dio", scrive.

Tradizione

Mandier è cresciuto in una famiglia cattolica romana in Francia. Suoi parenti erano profondamente religiosi. Secondo Mandier, la loro convinzione non derivava da un risveglio o da una scelta, ma da una tradizione consolidata: "I miei genitori sono cattolici e la Francia è un paese cattolico, quindi anch'io sono cattolico".

Chiedere

Il giovane Patrick ha lottato con le regole del cattolicesimo romano, compresa la recita del Rosario. Farlo a 14 anni, quando sei più interessato alle partite di calcio che alla religione, è difficile. “Mi sono posto domande come: "Dio vuole davvero che preghiamo in questo modo?" E ho pensato che se Dio vuole davvero che le persone dicano preghiere per due ore, potrebbe significare tre cose: 1) È sordo e dobbiamo ripetere le preghiere ancora e ancora finché non può ascoltarle, o 2) È un Dio crudele che si diverte a farci fare qualcosa di così noioso, o 3) Ha poco interesse per noi e gli sta bene che ci impegniamo in tali tradizioni. Senza sapere cosa pensare, ho lasciato perdere la domanda per dopo”.

Leggi tu stesso la Bibbia

Inoltre, Mandier non era d'accordo sul fatto che non gli fosse permesso di leggere la Bibbia. Si ricorda di aver visitato un'amica con suo cugino. Mentre parlavano, notò una Bibbia su uno scaffale sopra il camino. “Sembrava che qualcuno avesse preso la Bibbia per leggerla e poi l'avesse messa lì. Ho chiesto all'amica se stava leggendo la Bibbia, ma prima che avesse la possibilità di rispondere, mia nipote ha detto: “Non devi leggere la Bibbia da solo, ma devi aver studiato per capire bene la Bibbia ed essere in grado di interpretare”.

Comprensibile per tutti

Questo ha turbato un po' Mandier. “Se deve essere possibile conoscere Dio, dovrebbe essere possibile in modo affidabile. Allora la Sua rivelazione dovrebbe essere scritta e non semplicemente tramandata secondo una tradizione orale in cui la verità può essere facilmente cambiata", scrive. “E quando Dio ci parla, dobbiamo avere un mezzo di riferimento che ci aiuti a conoscere e verificare se ci ha davvero parlato. Quello stesso mezzo di riferimento dovrebbe quindi essere comprensibile a tutti, e non solo a un'élite istruita”.

Preghiera

Mandier aveva anche domande su Gesù. Conosceva alcune delle storie bibliche del catechismo, ma non capiva il messaggio della Bibbia. Le storie sembravano tutte avere una cosa giusta: erano ambientate intorno alla persona di Gesù. Ma chi fosse esattamente Gesù, non lo sapeva. Eppure Mandier ha parlato a Dio in modo molto personale nelle sue preghiere. “Quando ero con i miei genitori in campagna, mi piaceva fare una passeggiata la sera, quando tutti dormivano. Ho guardato il cielo e ho parlato con Dio come qualcuno parla con un amico. Gli ho raccontato quello che avevo vissuto quel giorno e gli ho anche fatto conoscere i miei progetti e i miei sogni”.

Testimonianza alla radio

Quando Mandier è andato a studiare turismo a Grenoble, ha avuto ancora più domande. Un giorno stava ascoltando una stazione radio in cui qualcuno dava una testimonianza di come aveva conosciuto Dio e di come camminava con Lui ogni giorno. “Questo è stato uno shock per me, perché tutto quello che avevo visto nella mia infanzia era un elenco di tradizioni e regole che le persone dovrebbero seguire. C'era una certa fede in Dio, ma nessun vero amore o comprensione di Dio. Nella mia famiglia, sebbene le persone frequentassero la chiesa, la fede non aveva alcun effetto reale sul modo di vivere o sulle scelte che dovevano essere fatte. Quando si doveva prendere una decisione, Dio non veniva mai consultato. Attraverso la testimonianza che ho ascoltato, ho capito che Dio va sempre consultato non solo nelle grandi decisioni della vita, ma anche nelle piccole scelte, se davvero crediamo in Lui. Sa quali sono le nostre esigenze e cosa è meglio per noi".

Libri cristiani

Mandier ha ascoltato testimonianze più personali su questa stazione radio. Anche lui voleva avere un simile rapporto con Dio, ma non capiva come fosse possibile. Terminati gli studi, dovette lasciare nuovamente Grenoble. Ma in realtà voleva restare lì, per saperne di più sulla vita con il Signore. Decise di chiamare la stazione radio per chiedere dove poteva comprare libri cristiani. Durante il servizio militare che seguì, ebbe molto tempo per leggere libri cristiani. Ha passato molte notti a leggere. Durante l'ultima settimana di congedo prima della fine del servizio militare, ha visto in una libreria cristiana l'annuncio di un evento nella zona da cui proviene. Durante questo evento era possibile porre domande a un pastore.

Domande a un pastore

Così accadde che il 31 maggio 1993 Mandier iniziò una conversazione con un pastore di una congregazione evangelica a Grenoble. Gli ha chiesto qual è il messaggio della Bibbia e se Dio gli chiede davvero di seguire fedelmente le tradizioni della sua giovinezza. Questo pastore

gli spiegò il messaggio della Bibbia. Gli parlò della creazione, della caduta e del motivo per cui Gesù venne sulla terra. Di conseguenza, Mandier capì chi era Dio e cosa significava il peccato.

“Infatti, il peccato è qualsiasi atto che si compie al di fuori della volontà di Dio. Il peccato non è solo rubare, uccidere o mentire, ma può anche assumere la forma di orgoglio, falsa testimonianza e persino saper fare qualcosa di buono e non farlo", scrive Mandier.

Messaggio unico

Ha visto che Dio è giusto e che questo richiede che condanni l'uomo per il peccato. Ma Dio è anche amore. Odia il peccato, ma ha provveduto a salvare l'uomo dal castigo che merita. Gesù è venuto sulla terra per prendere su di sé questa condanna. “In questo modo la giustizia di Dio è stata soddisfatta e ha anche mostrato il suo amore, perché è costato un prezzo a Dio”, scrive Mandier. “La Bibbia dice: “Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3:16). Questo è un messaggio unico. Nessuna delle altre religioni può spiegare lo stato del mondo”.