All'età di quattro anni, la signora Van Tilburg perse sua madre. Tre anni dopo Dio le mostrò che Gesù aveva affrontato la morte. Ma la gioia e la pace che questo portava, non la ritrovava nella chiesa cattolica romana in cui era cresciuta. "Roma non ha conoscenza del patto di grazia", dice.

Quando viene contattata per un'intervista, esita un attimo. Non voleva essere al centro dell'attenzione come persona. Tuttavia, è disposta a collaborare. Perché sa che i protestanti non sempre capiscono le idee cattoliche romane. Molti protestanti sono inclini a guardare le dichiarazioni dei cattolici romani attraverso i loro occhiali protestanti. Ma i cattolici romani la pensano completamente diversamente, spiega Engelien van Tilburg.

Riposo

Cita una nota citazione del Padre della Chiesa Agostino: "Inquieto è il cuore, finché non trova riposo in Dio". Anche se i cattolici romani, proprio come i protestanti, hanno molto in comune con gli scritti di Agostino, un cattolico romano non capisce esattamente cosa significa questa citazione, secondo lei. "Probabilmente uno pensa che ci si riposa quando si va in paradiso o qualcosa del genere. Ma ai suoi occhi non c'è la certezza della fede. Non gli viene nemmeno in mente che possa esistere una cosa come la certezza. Non va nemmeno a cercarlo, perché non sa dove cercarlo".

E la dottrina cattolica romana? I teologi cattolici romani possono inventare queste cose, ma non significano nulla per il cattolico romano medio. La signora Van Tilburg stessa ha appreso la dottrina cattolica romana solo all'età di 29 anni, quando è stata istruita dalla chiesa riformata, e l'ha rifiutata immediatamente. "Come protestanti diciamo: sulla base di questo o quello... Ma un cattolico romano non ha basi”.

Risultato

La signora Van Tilburg è cresciuta in una famiglia cattolica romana a Dongen-Vaart nel Brabante e ha sposato un protestante. Lei e suo marito hanno fatto battezzare i loro primi quattro figli nella chiesa cattolica romana. Stavano ancora cercando in quel momento. Ma tutto cambiò quando furono istruiti dal pastore D.J. Budding nella chiesa riformata, che spiegò loro "la dottrina della pietà". "I miei occhi si sono aperti. Ho visto chiaramente che il Signore aveva già iniziato a operare nella mia vita quando avevo 7 anni". Imparò dal pastore Budding cosa significava la dottrina della riconciliazione. "Non ne sapevo nulla. Avevo sempre collegato il perdono dei peccati alla confessione. Ma Dio ha un solo criterio: il sangue di Cristo”.

Dio ha parlato per la prima volta nella sua vita, quando un prete, poco prima che lei dovesse fare la prima comunione, è entrato in classe. "Allora ho sentito per la prima volta che Dio ha creato i cieli e la terra e che è onnipotente. Ha anche detto che l'uomo ha disobbedito e che questo è il motivo per cui la malattia e la morte sono venute nel mondo. Improvvisamente ho capito da dove veniva la morte, che era una tale realtà per me. Poi il prete mi disse che Cristo era venuto a redimere l'uomo dalla morte e dal peccato. Questo mi ha colpito molto. C'era una soluzione per la morte. E in quel momento vivevamo in mezzo alla morte”.

Dopo che sua madre morì quando lei aveva quattro anni, la morte aveva pesato su tutta la famiglia. "Ma ora l'oscurità della morte era improvvisamente sparita. Ho sperimentato pace e gioia nel mio cuore. Questi sono frutti dello Spirito Santo. Non c'era più la paura, ma la pace che supera ogni comprensione".

Nessun insegnamento

Sapeva che questo veniva da Dio, ma non sapeva come continuare a vivere. La gioia e la pace che la signora Van Tilburg ha sperimentato in quel momento, non l'ha trovata nella chiesa cattolica romana. "Non ho ricevuto alcuna istruzione. Non c'era niente a cui aggrapparmi. Ero molto grata e ho promesso a Dio di fare tutto. Una volta ho fatto del mio meglio per stare ferma in chiesa e non lasciare che nulla mi distraesse. Quando sono tornata dalla chiesa, sapevo che non avrei mai più voluto farlo in quel modo. Con il senno di poi posso giustificare questo. Ero in uno schema.

Nel frattempo, Dio le mostrava occasionalmente che era totalmente peccatrice come essere umano e che non poteva redimersi. Ma per il resto ha condotto una ‘vita romana ordinaria’. "Non avevo nessun fondamento con cui mettermi alla prova, nessun discernimento. Avrei potuto andare in qualsiasi direzione. Guardando indietro, posso vedere che Dio mi ha preservato. È stato molto gentile con me".

Incertezza

Da bambina, la signora Van Tilburg ha vissuto consapevolmente il Concilio Vaticano II (1962-1965). "Prima di allora, se facevi bene il tuo dovere, andavi in paradiso. Dopo quella volta, non più". Dopo il Concilio Vaticano II non era più così chiaro. Non c'era quasi nessuno standard che i cattolici romani dovevano soddisfare. Per inciso, la Bibbia non aveva autorità nemmeno prima. "È stato interpretato diversamente nel corso del tempo. Roma non crede che Dio sia sovrano e onnipotente, che abbia potuto creare i cieli e la terra con il solo pronunciare una parola. Lo stesso vale per la ri-creazione. Dio non è abbastanza potente per perdonare i nostri peccati e realizzare la perfetta riconciliazione. Se non c'è riconciliazione, c'è incertezza. Le persone dipendono dai preti, ma non lo sanno nemmeno loro. C'è la paura, attraverso la quale il clero può esercitare il potere”.

Secondo la signora Van Tilburg, la chiesa cattolica romana pensa che noi abbiamo ancora segretamente "una linea con Dio" e che l'uomo non è completamente alienato da Dio. Quando suo marito le disse, durante il loro corteggiamento, che credeva nell'esistenza di Adamo ed Eva, lei gli rise di cuore. "All'epoca pensavo: sì, una volta tutti credevano in Adamo ed Eva, ma ora lo sappiamo meglio", dice.

Alterazione

"La chiesa cattolica romana non ha conoscenza del patto di grazia", ora lo sa. "L'opera generale dello Spirito è vista come un'opera speciale. Per questo, secondo la Chiesa cattolica romana, siamo in grado di fare del bene".

Alla fine, la chiesa cattolica romana non conosce la salvezza, lei dice. “Quando Gesù dice all'assassino che oggi sarà in paradiso con Lui, interpretano le sue parole così: prima devi andare in purgatorio e poi verrai da Me”.